Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 

Se leggiamo la Genesi prestando particolare attenzione ai termini ebraici usati dallo scrittore (o dagli scrittori – NdR) possiamo trarre insegnamenti molto più significativi di quanto si possa fare leggendo solo la versione in lingua italiana.
La lingua ebraica usava lettere dell'alfabeto che avevano ciascuna un proprio significato culturale e mistico, per cui la somma di varie lettere per formare una parola corrispondeva in italiano alla formazione di una frase, fatta di parole, ciascuna delle quali possiede un senso proprio. (NdR....che erano la sommatoria dei significati delle singole lettere che componevano la parola stessa).
Se si trascura il senso proprio delle lettere si perde il senso più profondo del racconto della Genesi.
Continua QUI, analisi delle
:
Le scritture degli I-Dei + Prime parole della Genesi 1 + Prime parole della Genesi 2 + Falsificazione della Bibbia
Lettere, numeri, ed info sull'Ebraico antico, pre-sinaitico http://paperzz.com/doc/354741/hebrew-letters-numbers---bet-hashem-midrash
http://www.revelation2seven.org/WebPages/SideLinks/PhonicianToEnglish.htm

Ecco alcuni esempi:
Barah (Creare).
Questo termine ebraico indica letteralmente "Trarre qualcosa di concreto da una idea astratta" o anche "rendere visibile qualcosa partendo da elementi invisibili".
L'idea di creare dal nulla venne fatta derivare dal primo significato, ma in realtà l'atto del creare di "Dio" è più simile a quello di un muratore che costruisce una casa in base ad una sua idea astratta, usando elementi basilari di molto inferiori alla casa, come i mattoni.
Nel Libro di Abramo la creazione viene descritta in due fasi: una creazione spirituale, una sorta di formazione di uno stampo, un modello fatto di materia spirituale, più sottile ed invisibile.
Ed una successiva creazione fisica, materiale, per dare concretezza fisica alle creazioni spirituali.
Il termine Barah in effetti descrive entrambe queste azioni: fabbricare qualcosa che prende la forma di una precedente cosa spirituale, organizzando elementi di base disorganizzati. La stessa cosa che avviene ogni volta che nasce un fiore.

Elohim (Dio).
Splendido termine che racchiude significati molto più ricchi di quelli insiti nella traduzione italiana "Dio" che deriva dal sanscrito DIV ed indica Luce. Si tratta della forma plurale del termine Elohà che a sua volta è composto dall'unione di due radici antiche.
El e Hoa. Hoa è l'antica radice che indicava l'Essere Supremo, Colui che esiste di per sé, che non è generato ma ha vita in se stesso. Il prefisso El corrisponde al nostro Colui, indicando la persona in senso astratto. "Colui che ha vita in sé" è quindi il significato del termine Eloha. Messo nella forma plurale, il termine Elohim assume il senso di "Coloro che hanno vita in se stessi" cioè che sono la Fonte della Vita.
E tuttavia il verbo abbinato al soggetto è al singolare, come sarebbe in italiano se dicessimo "Coloro che hanno vita in sé creò i cieli e la terra". Scartando l'idea che si tratti di un errore di grammatica da parte dello scrittore (insostenibile data l'importanza del testo) non resta che attribuire a questa discrepanza un senso voluto. Nella lingua italiana usiamo il verbo al singolare con un soggetto plurale in casi particolari:
"La mandria si spostò lentamente". La mandria è un termine che indica una pluralità di soggetti, ma che possono essere descritti come una unità. Il verbo al singolare costringe a ritenere Elohim un nome collettivo, una pluralità che è anche una unità (un insieme di individui con un unico fine NdR). Coloro che hanno vita in sé sono quindi (minimo, NdR) una Coppia, una unità formata da (minimo NdR) due singoli, come suggerisce la creazione di Adamo ed Eva.

Adamo a immagine di "Dio"
Quando Elohim decide di creare l'uomo (il verbo usato nella Genesi per la creazione dell'uomo è lo stesso usato per descrivere la creazione dei cieli e della terra) dice: "Facciamo Adam a nostra immagine e conforme alla nostra somiglianza". Il verbo qui è al plurale: dato che in ebraico il plurale maiestatico non esiste, non possiamo pensare che Elohim sia una persona che parla a se stessa. Si tratta di un componente della coppia che parla all' altro componente, e dice: "Facciamo Adam come siamo fatti noi".
Il nome Adam è un termine collettivo che indica gli Umani. Il termine tradotto con Immagine è Zèlem ed ha un significato plastico; una statua ha la stessa immagine della persona che rappresenta; lo specchio riflette le stessa immagine di chi si guarda. Una parola moderna potrebbe essere Forma.
Il termine tradotto con Somiglianza è Demut ed ha un significato astratto; un pettine di legno ha la stessa sostanza di un bastone di legno, anche se ha forma diversa. Un termine moderno potrebbe essere Sostanza. "Dio" disse: " Facciamo gli Umani con la nostra forma e con la nostra sostanza". E "Dio" fece gli Umani maschio e femmina, capaci di pensare e di scegliere liberamente.

Adamo ed Eva
La prima descrizione di queste due parti dell'Adam originale è tradotta con " maschio e femmina" ma i termini ebraici dicono molto di più di quanto questi termini dicano in italiano. Zachar (maschio) deriva da una radice antica che indica ciò che è evidente, esteriore, attivo. Nekebah (femmina) deriva da una radice che indica ciò che è nascosto, interiore, passivo. Altri due nomi vengono usati per descrivere Adamo ed Eva: Ish ed Ishà.
La radice Ish significa "iniziare, dare forma, seminare" ed aggiungendo la desinenza Ah si ottiene "ciò che procede da Ish" cioè "cioè che porta a compimento quanto seminato".
Anche in questa collaborazione, prima viene il progetto e poi viene la sua attuazione pratica, fino a formare figli che riempiano la Terra. Parlando di nomi propri la Genesi chiama Adam l'uomo e Hewa la donna. Adam è lo stesso termine usato prima come collettivo, e deriva da una radice che indica ciò che è omogeneo, un insieme di molte parti che si assimilano fra loro.
Anche l'Adam "persona" è un collettivo, qualcosa composto da varie componenti.
Hewa è il nome dato alla donna e deriva dalla radice del verbo Essere, proprio come il nome di "Dio" Yawhè.
Significa letteralmente Base della Vita, come è specificato dalla spiegazione "perché è la madre di ogni vivente".

Il Settimo Giorno (Shabbat = Sabato)
Dopo sei giorni di creazione Dio si riposa nel settimo giorno. Il termine usato nella Genesi per indicare il lavoro da cui "Dio" si astiene nel settimo giorno è Melakà che ha sempre un significato di lavoro comandato, eseguito su ordini altrui. L'istituzione del Giorno di Riposo è fissata attribuendo al "Dio" Creatore un lavoro comandato, eseguito per adempiere ad un incarico ricevuto.
Nel giorno di riposo anche "Dio" si astenne dal lavorare, e l'uomo è quindi invitato a riposare. Il racconto della creazione non è un atto singolo ed arbitrario fatto da un Dio unico abitante dell'universo; è piuttosto un compito complesso progettato, eseguito e portato a compimento da una pluralità di soggetti, tutti accomunati nel termine Elohim (dei al plurale), fra i quali esistevano relazioni gerarchiche.
Nel vangelo di Giovanni viene spiegato che "Nel principio (NdR: non temporale, ma dell'idea) era il Logos (la Parola concreta) ed il Logos era presso Dio, ed il Logos era "Dio".
Ogni cosa fu creata per mezzo di Lei". Nella Divinità c'erano il Logos e Colui che lo incaricò di creare ogni cosa.
La Genesi usa due termini per chiamare le due Persone della Divinità: Elohim e Yawhè.
Agirono insieme nella creazione, uno Progettista e Mandante, l'altro Esecutore e Mandatario.

Il Giardino di Eden
La traduzione chiama Giardino il termine Gan e lascia non tradotto il nome Eden, come se si trattasse del nome di un luogo, come a dire Piazza Garibaldi.
Ma in ebraico questi due termini Gan Eden hanno significati molto interessanti ed illuminanti.
Gan è invero un recinto, uno spazio separato dal resto, come avviene per un giardino che è circoscritto da un recinto. Il termine Giardino va quindi bene se lo si intende come "spazio separato dal resto e da esso diverso".
Il termine Eden deriva da una radice che indica ciò che ha dei limiti, dei confini fissati che non possono essere oltrepassati.
Il Giardino di Eden è quindi un luogo specifico, circoscritto, nel quale ci sono limiti e confini che fuori dal recinto non esistono. È una sorta di nicchia nell'universo dove esistono limiti precisi di spazio e di tempo. "Dio" pone gli Umani all' interno di questa nicchia (NdR: il corpo Psico-Fisico degli esseri Viventi).

L'albero della conoscenza
Il termine Hetz tradotto con Albero non indica solo un albero, ma tutto ciò che produce frutti elaborando in sé nutrimenti ed energie tratti dall' esterno, come fa l'albero che trae elementi dalla terra tramite le radici, ed energia dal sole mediante le foglie, e le usa per produrre fiori e frutti. Abbinato al termine Ha-dahat (conoscenza) questo albero non può essere una normale pianta;
Dahat deriva da due radici che indicano Mano e Pelle e può essere tradotto letteralmente con "la mano sulla pelle". Conoscere non è una attività del pensiero, nella Genesi, ma una esperienza congiunta fra i sensi fisici e la mente astratta.
Per conoscere qualcosa la si deve toccare con il corpo e con la mente.
L'albero della conoscenza è quindi un tipo di vita vissuta che usa l'esperienza fisica come strumento per accrescere la scienza intellettuale dell'uomo e per produrre frutti mediante una interna elaborazione.
Non è solo "coltivare il suolo" ma scoprirne le leggi mediante l'esperienza e creare frutti nuovi.

Il frutto proibito.
Sebbene la tradizione cristiana abbia individuato in questo simbolo l'atto sessuale, che "Dio" avrebbe proibito e che Eva avrebbe deciso di assaggiare, seducendo Adamo, il testo della Genesi letto in ebraico insegna concetti assai diversi.
Nel proibire il frutto "Dio" spiega ad Adamo che "nel giorno in cui ne mangerai una parte come cibo, morirai la morte".
E dopo la disobbedienza Dio spiega al trasgressore che "il suolo sarà maledetto per quanto ti riguarda; con penosa fatica ti ciberai da esso per tutti i giorni della tua vita, finché tornerai nel suolo".
Il prezzo per vivere il tipo di vita basato sull'esperienza diretta liberamente scelta sono la morte e il dolore.
Adamo viene escluso dall'Albero di Vita e deve passare attraverso l'esperienza della morte.
D'altra parte "Dio" ammette che "adesso Adam è diventato come uno di noi, conoscitore del bene e del male" mostrando che quella era la strada giusta da scegliere se Adam voleva progredire da suo stato di "manutentore" per avvicinarsi a quello di "creatore".
Tratto da: http://www.mormoni.com/langit/Dottrina/capire_la_genesi.htm

Commento NdR: questo articolo e' quasi in perfetta sintonia che i ns. studi, per questo e' stato pubblicato, anche sul nostro portale.