Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


il NEO LIBERISMO cosa e' ? 

I Veri Pirati = Banchieri, Banche, Multinazionali

"L'attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari.
La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto
". (By Maurice Allais, premio Nobel per l'economia)
vedi:
Origini segrete della Banca d'Inghilterra

Comunque la SOLUZIONE a TUTTI i PROBLEMI del MONDO e' GIA' QUI - vedi: Padroni del mondo, e' finita per voi !
 SOVRANITA' INDIVIDUALE (Dichiarazione)

vedi: QUESTI i SOCI delle VARIE BANCHE Centrali + BCE + FEDERAL RESERVE & C. (nei fatti tutte private)

Come l'Europa "moderna" si e' formata ? vedi qui:
http://nexusedizioni.it/it/CT/esoterismo-e-politica-le-origini-segrete-delleuropa-unita-4368

vedi: La struttura della TRUFFA EUROPEA

 

La tendenza a Globalizzare i mercati esiste da millenni. E allora, perche' oggi si e' creato un vasto movimento di opposizione alla cosiddetta Globalizzazione dei mercati ?

Principalmente per due motivi:
1) Primo, perche' oggi per globalizzazione si intende la trasformazione in merce di scambio di quasi ogni aspetto della vita umana, dai servizi sociali alla cultura, dalla salute alle risorse dell'ambiente.
2) Secondo, perche' la dottrina economica che guida ormai incontrastata i processi di globalizzazione e' il Neoliberismo.
Esso mira a sottrarre i mercati al controllo politico e alle restrizioni impostegli dalle tutele sociali, e questo, secondo i critici della globalizzazione, sancirebbe il dominio dei potentati economici su ogni altro settore della societa' civile.
Il Neoliberismo merita un breve approfondimento.

Come nasce la dottrina economica chiamata Neoliberismo ? - Storia del neoliberismo PDF di Harvey
Essa nasce come risposta di una parte del mondo economico - finanziario ai cosiddetti malesseri creati da quarant'anni di dominio Pubblico sull'economia. E' infatti alle meta' degli anni '70 che alcuni economisti conservatori (Friederich Von Hajek & Milton Friedman, dell'Universita' di Chicago) pensano che il futuro dello sviluppo della ricchezza planetaria sia possibile solamente "liberando" le economie dal controllo degli Stati e dal peso di sistemi di tutela sociale (il che significa eliminazione progressiva di: aziende pubbliche, barriere doganali, limiti alla circolazione dei capitali, sindacalizzazione, stato sociale).
Questi pensatori, sostenuti da grandi capitali privati, invadono i centri di formazione degli economisti, forgiando generazioni di amministratori pubblici e privati convinti dei meriti di questa dottrina economica.
Il loro motto sara': il Pubblico e' obsoleto, il Privato e' il futuro; i Mercati non devono conoscere ostacoli.
I loro alfieri politici saranno Ronald Reagan e Margaret Thatcher, affiancati dai massimi organi di gestione delle economie mondiali, e cioe' il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Banca Mondiale(1).
E' dunque nato il Neoliberismo, che ora necessita di forti regole globali per cementarsi: nasce cosi' l'Organizzazione Mondiale del Commercio (World Trade Organization - WTO)

Cosa e' il WTO
Il WTO e' il grande motore della Globalizzazione dei mercati in senso neoliberista (2). E' il formato da 136 Paesi (inclusa la Cina nonostante le critiche sulle violazioni dei diritti umani che perpetra), fra cui naturalmente tutte le nazioni piu' ricche; ha sede a Ginevra. Nasce nel 1994 (cinqant'anni esatti dopo la nascita del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale, che avvenne a Bretton Woods nel 1944), quando i Governi membri (Italia inclusa) siglarono gli accordi di Marrakech.
In teoria al timone del WTO ci sono i Ministri del Commercio dei vari Paesi, ma nella realta' il lavoro e' svolto da una miriade di Consigli-Comitati-Gruppi di lavoro-Delegati ecc. con a capo un Direttore Generale. L'Europa intera e' rappresentata al tavolo delle trattative del WTO dalle Commissione Europea. 
Il WTO scrive regole dei commerci Globalizzati
, e queste regole si chiamano Accordi.
Questi Accordi sono sovranazionali (3), e questo significa che una volta ratificati dai governi membri, essi hanno piu' potere di qualunque legge nazionale.
Abbiamo dunque una dottrina economica dominante, il Neoliberismo, ed un organo internazionale di gestione dei mercati, il WTO, che ad essa si ispira. Entrambi pongono dei problemi assai seri, che raramente ricevono le attenzioni dei media e che talvolta sono volutamente sottaciuti.
Perche' il Neoliberismo e' un pericolo per tutti
Le teorie economiche neoliberiste promettono alla societa' civile occidentale e ai Paesi poveri un futuro di benessere economico che deriverebbe dalla distribuzione "verso il basso" della ricchezza accumulata "in alto" dalle èlites finanziarie, una volta che queste si siano liberate dai "freni" della politica e delle tutele sociali (vedi teoria del "Trickle Down Economics", 1980).
Questa promessa e' falsa, poiche' il Neoliberismo ha gia' evidenziato le sue falle e i suoi pericoli ovunque esso sia stato applicato.

Negli Usa il libero commercio e' raddoppiato in volume negli ultimi 26 anni (dato espressi in percentuale sul Pil), ma questa accelerazione liberista ha lasciato gli stipendi medi americani stagnanti durante tutto lo stesso periodo, contrariamente a quanto affermato oggi gli organi di stampa. In particolare la 1973 al 1993 una fetta dei salari ha perso l'11% in valore (ecco le ricadute negative della teoria economica del "Comparative Advantage").
Altro dato: il numero di cittadini statunitensi privi di assistenza sanitaria e' il salito da 34 a 43 milioni.

In Gran Bretagna il Neoliberismo thatcheriano ha portato il numero degli inglesi classificati come poveri da 1 su 10 nel 1978 a 1 su 4 nel 1988 (1 bambino su 3). La fine degli anni '80 ha visto in Inghilterra una delle piu' grandi crisi degli alloggi della sua storia.

Va sottolineato che quando la stampa europea esalta LE FIORENTI ECONOMIE ANGLOSASSONI (ad esempio attraverso i dati di crescita macroeconomici ed i tassi di occupazione in rialzo), non specifica mai i dati sulla distribuzione della ricchezza e sulla qualita' della nuova occupazione. La realta' ci dimostra che negli USA oggi l'1% piu' ricco guadagna 115 volte piu' del 10% povero, il che significa che la forbice e' raddoppiata rispetto al passato; che negli ultimi 15 anni gli USA hanno perso due posti di lavoro qualificato per ogni posto di lavoro non qualificato che si vaniva a creare (cioe' con nessuna tutela sociale). I dati dimostrano che il Neoliberismo condanna 1/3 delle popolazioni occidentali all'indigenza permanente.

Nel Sud del mondo, poi, la situazione e' ancora peggiore. Le teorie economiche neoliberiste sono state spinte con vigore nei Paesi in via di sviluppo dal Fondo Monetario Internazionale, e sono proprio questi Paesi che, lungi dal riprendersi, hanno sperimentato le catastrofiche crisi finanziarie negli anni '90 (Messico, Brasile, Russia, Indonesia, Tailandia, Corea del Sud), con costi umani indicibili (Tailandia: 2000 disoccupati al giorno - Indonesia: mortalita' infantile +30%, 250.000 ambulatori chiusi - Russia: vita media calata da 65 a 57 anni…)

Perche' il WTO non e' democratico e trasparente

1) I paesi poveri al suo interno non hanno voce in capitolo, poiche' sono ricattabili dai partner piu' ricchi a causa dello schiacciante debito estero(1) che hanno accumulato.
Soprattutto, essi non posseggono il personale qualificato in numero sufficiente, e le risorse economiche, per poter seguire il colossale lavoro di stesura degli Accordi del WTO (raccolti in 27.000 pagine), per cui ne sono tagliati fuori. Chi sta al timone e' il cosiddetto gruppo QUAD, formato da USA, Giappone, Canada ed Europa.

2) Il WTO possiede un Tribunale al suo interno (Dispute Seattlement Body) dotato di poteri enormi nel decidere le dispute  commerciali fra interi continenti. Questo Tribunale e' formato da TRE individui di estrazione economico - finanziaria le cui sentenze finali sono inappellabili. Manca su questi "giudici" un reale controllo dei possibili conflitti d'interesse.
Una sentenza del WTO puo' ribaltare le scelte democratiche di milioni di cittadini, anche nei paesi ricchi (4).


3) E' provato che i Globalizzatori (soprattutto Governo Usa e Commissione Europea) danno assoluta priorita' ai desideri delle lobbies industriali (come il Trans Atlantic Business Dialogue, la European Round Table of Industrialist, la International Chamber of Commerce, la Coalition of Service Leaders Group, ecc…), mentre consultano pochissimo i sindacati, le ONG(5), le associazioni dei consumatori, od i cittadini (6).
4) Il lavoro di stesura degli Accordi del WTO e' svolto da burocrati in stanze chiuse (ad esempio il Comitato 133 della Commissione Europea), ed e' talmente complesso (piu' di 2.000 incontri l'anno) da sfuggire al controllo di qualunque Ministro del Commercio, e, di conseguenza anche al controllo della maggioranza dei governi membri.

Perche' gli Accordi del WTO sono pericolosi per tutti noi

1) Perche' hanno il potere di esautorare le politiche sanitarie di qualunque Paese, incrinando il vecchi Principio di Precauzione che ci tutela dallo scambio di merci pericolose (WTO: Accordo Sanitario - Fitosanitario: vedi caso 'Carne agli Ormoni' in Europa - Farmaci anti-Hiv in Africa - Caso Geber in Guatemale - Caso Folpet negli Usa - Caso Etichette sul transgenico in Europa, ecc…) (7).

2) Perche' tolgono al cittadino di sapere in quale condizione e con che criteri (8) sono fatte le merci che acquista (WTO: Accordo sanitario-Fitosanitario & Accordo Barriere Tecniche al Commercio, con implicazioni sui diritti dei lavoratori e sulla tutela dell'ambiente). L'uso di etichette per tutelare il consumatore e' spesso condannato dal WTO come discriminazione al libero commercio (vedi il litigio USA contro l'Europa sulle direttive europee che impongono l'etichettatura dei cibi transgenici).

3) Perche' tolgono agli Amministratori nazionali la liberta' di promuovere lo sviluppo di aree depresse, e minacciano le scelte degli Amministratori locali che vorrebbero facilitare l'inserimento dei lavoratori svantaggiati e degli esclusi (WTO: Accordo Governativo sugli Appalti - Accordo Generale sul Commercio dei Servizi - Principio del Trattamento Nazionale, ecc…)

4) Perche' accentrano nelle mani di poche Multinazionali i brevetti della maggioranza dei principi attivi delle piante che si usano per i farmaci o per l'agricoltura, anche se esse credono nei Paesi poveri che avrebbero piu' diritto a brevettarle (WTO: Accordo di Proprieta' Intelletuale) (9)

Alcuni accenni sull'Organizzazione per la Cooperazione e la Sicurezza Economica (OCSE)
L'Ocse
e' anch'essa una assemblea dei Paesi, 29 per la precisione(3), che e' nata nel 1961, e che ha sede a Parigi. Il suo compito e' essenzialmente quello di produrre analisi economiche (i Rapporti) e di facilitare gli scambi commerciali in senso piu' liberista, oltre che facilitare la transizione verso il libero mercato dei Paesi dell'Est.
I 29 Stati dell'Ocse sono i piu' ricchi del mondo (includono gli USA e producono i 2/3 dei beni mondiali), tuttavia l'Ocse non ha i poteri del WTO, e puo' produrre solo indicazioni di massima per i governi, anche se condivide appieno la dottrina economica ispiratrice e la dedizione all'espansione libera dei mercati del modello della Globalizzazione di cui sopra.
Si ricorda tuttavia che l'Ocse tento' nel 1998 di partorire un Accordo Multilaterale sugli Investimenti (MAI) (3), dai contenuti talmente antisociali che fu cestinato fra l'indignazione  internazionale.

Note:

  • 1) a proposito di questi organismi, vedasi il Comunicato Andromeda N.30/95 dal titolo "Debito pubblico: il partito occulto dei non produttori, altro che il risparmio degli italiani".

  • 2) Si leggano al proposito i lavori di Jeffrey Sachs & Steven Radlet, Harvard - Noam Chomsky, MIT - Susan George, TNI)

  • 3) Vedi al proposito la storia dettagliata di un analogo tentativo promosso dall'Ocse ma fallito nel Comunicato Andromeda N. 70/99 dal titolo "Diciamo mai al MAI (Accordo Multilaterale sugli investimenti), e l'elenco degli Stati che ad essa appartengono

  • 4) Un esempio: l'Italia vieta la vendita dei giocattoli fabbricati con un determinato materiale plastico (il PVC). Il Tribunale (in primo grado di giudizio, ad oggi) ribalta questa decisione perche' decide che l'Italia non puo' proibirne l'importazione

  • 5) Organizzazioni non governative

  • 6) Si veda a proposito l'inchiesta "I Globalizzatori" condotta dalla trasmissione Report, su Rai 3, nel 2000

  • 7) Carne agli ormoni: l'Europa viene condannata al pagamento di svariate centinaia di milioni per aver rifiutato di importare tale carne degli Usa - Farmaci antiHiv: il Sud Africa e' in mezzo alla polemica e le multinazionali le hanno intentato un processo per essersi approvvigionata di farmaci importandoli da una ditta pirata indiana senza rispettare i diritti di brevetto - Caso Gerber: la multinazionale che porta questo nome tra il 1990 e il 1995 mette sul mercato in Guatemala un latte in polvere per bambini sotto i due anni pubblicizzandolo con un'etichetta su cui compare l'immagine allettante di uno splendido e sanissimo bambino. Il Governo del Guatemala, rifacendosi ad una direttiva OMS/UNICEF che proibisce tale "pubblicita' ingannevole" ingiunge alla Gerber di togliere tale etichetta. La Gerber, rifacendosi all'"Accordo Barriere Tecniche al Commercio del WTO", minaccia il Guatemala dopo aver ottenuto l'appoggio dell'Amministrazione USA. Il risultato di tali minacce e' la sentenza con cui la Corte Suprema del Guatemala dichiara leciti i prodotti importati dalla Gerber - Caso Folpet: il funghicida che porta questo nome e che e' usato per la conservazione di certi alimenti viene bandito dal 1988 negli USA perche' ritenuto un potente cancerogeno. Nel 1995 l'EPA (ente di protezione ambientale statunitense) comunica la volonta' di vietare la vendita dei qualsiasi cibo di importazione che ne contenga anche la minima quantita'. 
    Il Codex Alimentarius, un'Istituzione che ha sede a Roma e competenza per dirigere queste controversie (e di cui si parla abbondantemente nel libro "L'imbroglio nella zuppa" citato in calce), invertendo l'onere della prova e rifacendosi all'"Accordo Sanitario - Fitosanitario del WTO", obbliga l'EPA a dimostrare la presenza del prodotto nei cibi, cosa che l'EPA non e' in grado di fare, rinunciando cosi' a vietarne importazione e vendita.

  • 8) Non possono essere cioe' immesse in discussione le condizioni di lavoro (vedi particolari condizioni di lavoro o sfruttamento del lavoro minorile o degrado ambientale causato dai modi di produzione di certe merci)

  • 9) Ammesso e non concesso che quello di brevettare cio' che esiste in natura possa essere considerato un metodo corretto ! Nde

Contatti per saperne di piu': WTO: http://www.wto.org + Commissione Europea: http://europa.eu.int/comm/dg01
Public Citizen: http://www.twnside.org.sg - Terre di mezzo: Maurizio Meloni, 0248953031 + CTM Altromercato: Giorgio Dal Fiume, 0516197196
Ministero del Commercio con l'Estero, Roma 0659647536
Tratto da:  http://www.alinet.it/andromeda - e-mail: [email protected] 
 

Video di Paolo Barnard, Rivoluzionario !

Sovranita’ monetaria e Signoraggio bancario - "DEBITO PUBBLICO"
La competenza europea non è più Costituzionale. Possiamo rientrare, persino "legalmente".
Ciò non toglie che le regole sono state costruite raggirando i popoli, e che quindi in ogni caso i popoli hanno la sovranità necessaria per ribaltare una qualsiasi legge elitaria.

SOLUZIONE:
Dovremmo per risolvere il problema della Sovranita' monetaria, innanzi tutto nazionalizzare le Banche Centrali (FED + BCE
, ecc.), togliendole dalle mani dei privati, cosi come la Banca Italia (NON d'Italia, perche' anch'essa in mano ai privati), poi stampare carta moneta, come Stati uniti d'Europa (UE), pari al debito "pubblico" delle varie nazioni UE che gli uomini di governo dei vari stati hanno contratto (e' tutto fatto di carta straccia, che i banchieri,del mondo piazzando i loro uomini negli stati o comprandoseli...hanno fatto si che gli stati si indebitassero con loro....e quindi ci potessero tenere per le palle....ricattandoci con il debito stesso), ed inviare la carta moneta stampata (la parte che li compete) al Fondo monetario internazionale (il FMI e' di proprieta' dei banchieri...e' una loro creatura)contemporaneamente, riscatta-ricompra i titoli statali emessi, che hanno acquistato i privati, gli altri stati e le banche) in modo da eliminare il debito, e cosi' ci riapproprieremmo degli interessi che ogni anno paghiamo (in Italia c.a. 100 miliardi di euros l'anno) e li potremmo investire nell'industria, nel turismo, nei servizi...e cio' per i vari stati indebitati...
CMQ ma sara' una gara dura, perche' gli USURAI del mondo hanno i loro uomini piazzati ovunque nel mondo e nei posti chiave....che faranno di tutto per impedirci di arrivare a farlo...!
Ma noi ce la possiamo fare !

Altra proposta per la soluzione-annullamento del cosiddetto falso Debito Pubblico:
in circa 30 anni l'Italia ha pagato interessi annui per il debito pubblico per un totale di circa € 3.400.000.000.000 (3 mila quattrocento miliardi), mentre il debito pubblico ammonta al 2014 a c.a. € 2.200.000.000.000 (duemila duecento miliardi
) per cui sottraendo dal totale, la somma gia' pagata, vi e' una plus valenza di c.a. 1.200.000.000.000, che le banche dovrebbero ridarci.....ma anche se non ce li ridanno, noi possiamo cessare di pagarle immediatamente investendo la stessa cifra annuale di falsi interessi, nella nostra economia....

IMPORTANTE
La Banca d’Inghilterra conferma attraverso il documento (dettagliatissimo in lingua originale) raggiungibile al link sottostante, la creazione di denaro dal NULLA attraverso la riserva frazionaria e il signoraggio bancario in mano a banche private e autorizzate dalle banche centrali anch’esse di proprietà delle suddette banche in percentuale più o meno variabile:"
http://www.bankofengland.co.uk/publications/Documents/quarterlybulletin/2014/qb14q102.pdf
In più, quest'altro link come ulteriore, robusta conferma:
http://www.theguardian.com/commentisfree/2014/mar/18/truth-money-iou-bank-of-england-austerity
 
AVVISATE TUTTA LA POPOLAZIONE CON QUESTO VIDEO, FATELO GIRARE ALL'INFINITO !!
Che sappiate o meno che cosa sia, il Fondo di Redenzione Europeo (E.R.F.) ci rovinerà la vita per i prossimi 20 anni !!
vedi e'
IMPORTANTE:
http://attivo.tv/player/documentari/i-media-stanno-censurando-allintera-popolazione-un-nuovo-trattato-europeo-sconvolgente.html#sthash.4QWK6rLY.dpuf
 
EURO FALSO:  TUTTI I DEBITI CONTRATTI CON LE BANCHE SONO ANNULLABILI !
Nel contrato non è scritto chi è il proprietario della moneta….quindi: chi è il creditore ? chi il debitore ?...e per cui TUTTI i debiti sono nulli “tutti i debiti contratti con le banche sono infatti annullabili”.
“Il sillogismo è semplice: siccome le banche evitano di iscrivere in contabilità, a patrimonio netto, la quota annuale di denaro virtuale che creano dal nulla, è evidente che lo considerano esse stesse “denaro falso“.
I debiti contratti con denaro falso ovviamente non sono giuridicamente validi.”
Ecco quindi che, se non tutti in generale, almeno quei debiti che implicano come creditore o controparte una banca, devono essere considerati nulli dalla nascita !
In sostanza, parafrasando, se il denaro non risulta “battezzato” contabilmente alla nascita certificandone l’origine, non può godere dei diritti civili.
Tratto dal testo dell’economista Nino Galloni, IL FUTURO DELLA BANCA, da dove si impara che la contabilità bancaria attuale è completamente falsa.
 
INOLTRE
Interrogazione UE con richiesta di risposta scritta E-000302/2012 alla Commissione Articolo 117 del regolamento
Marco Scurria (PPE)
Oggetto: Natura giuridica della proprietà dell’euro
In risposta ad un’interrogazione scritta sul medesimo tema presentata dall’on. Borghezio fornita il 16 giugno 2011, la Commissione informa il collega che “al momento dell’emissione, le banconote in euro appartengono all’Eurosistema e che, una volta emesse, sia le banconote che le monete in euro appartengono al titolare del conto su cui sono addebitate in conseguenza”.
Può la Commissione chiarire quale sia la base giuridica su cui si basa questa affermazione ?
Risposta: Olli Rehn non fa altro che ribadire che dopo l’emissione, ossia dopo la creazione fisica delle banconote o più verosimilmente dell’apparizione in video delle cifre sui terminali dell’Eurosistema (totalmente a costo zero, se si esclude l’energia elettrica che mantiene accesi i computers…) la proprietà dei valori nominali appartiene al nuovo proprietario.
....e se uno e' proprietario del denaro, non puo' essere contemporaneamente debitore, dato che il denaro precedentemente all'emissione nei fatti apparteneva al NULLA.....e non alla banca ! e quindi e' al NULLA che semmai va reso....

 
Guardate cosa afferma il Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea – BCE
- (Tratto dal sito ufficiale www.ecb.int) nel  loro documento: “Decisione della Banca Centrale Europea del 6 dicembre 2001 relativo all’emissione delle banconote in euro”, al comma 3: “L’emissione delle banconote in euro non necessita di essere soggetta a limiti quantitativi o di altro tipo, visto che la immissione in circolazione di banconote è un processo indotto dalla domanda.”
Tratto da: http://www.ecb.europa.eu/home/html/index.en.html
 
Commento NdR: L'Eurosistema e' nei fatti di proprieta' di PRIVATI cosi come le varie Banche Centrali Nazionali dei paesi aderenti alla UE, quindi tutto il sistema bancario europeo e' in mano ai privati cosi pure come l'emissione della moneta (denaro)
Ricordiamo a tutti che le Banche facendo sorgere dal "nulla" (che non esiste, per proprieta' intrinseca) il denaro, esse lo "prendono" dal TUTTO presente ed esistente SOLO ed UNICAMENTE nell'INFINITO, e ce lo accreditano nel nostro conto corrente di cui siamo proprietari e non debitori;, se noi chiediamo ad esse di darci un credito,  quindi trattasi di DONAZIONE dell'Infinito a tutti noi, che le Banche ci RUBANO e ci chiedono pure gli interessi, I banchieri e le banche, sono dei veri e propri CRIMINALI, protetti dalle leggi inique degli "stati" (a loro volta aziende private) loro servi, perche' i Banchieri immettono, sponsorizzano o pagano, i "loro" uomini politici e non, nei posti chiave degli stati, per ottenere cio' che vogliono... da questi ultimi, alla faccia del popolo che rimane in TOTALE schiavitu' !
 
Quindi:
Cari amici e lettori, dovete rendervi conto che quando andate a chiedere un "prestito" ad una banca...voi subite un FURTO da parte della banca, perche l'emissione del denaro viene effettuata dal NULLA (che e’ di proprieta’ dell’INFINITO), sul vostro NOME e COGNOME; la banca non lo emette/accredita sul suo proprio conto corrente e poi gira la cifra a Voi con un bonifico dal proprio conto, ma lo accredita direttamente sul Vs conto corrente,  e quindi siete voi gli UNICI proprietari del denaro, cosi come ha confermato recentemente anche la UE, in una risposta ad una interrogazione fatta su: chi e' il proprietario del denaro..?
Se il denaro viene emesso sul vs NOME e COGNOME, significa semplicemente che e' VOSTRO e NON della banca, e siccome viene emesso dal NULLA (di proprieta’ dell’INFINITO e non della banca), quindi e’ a credito NON a debito ….. la banca non ha NESSUN titolo, ne’ diritto, per chiedervi di restituire il capitale, che non e’ mai stato suo, ne' tanto meno di richiedere degli interessi su di un capitale che nei FATTI e' SOLO VOSTRO all’atto della emissione fatta per mezzo del vostro NOME e COGNOME, infatti non puo’ mai dimostrare di aver avuta la proprieta’ del denaro che e’ stato emesso sul vs conto corrente !
Inoltre le leggi italiane e quelle dei vari paesi occidentali, sui “prestiti”, confermano che: se un soggetto non e’ proprietario di un bene non puo’ prestare nulla, anzi se viene attuato, diviene un’atto illegale.
Qui siamo alla totale follia illogica bancaria, per tentare di legalizzare un FURTO !
In piu’ le banche, una volta sottratto il VOSTRO denaro, con la vostra firma, su di un modulo prestampato e senza la firma dell’amministratore della banca …. essa lo immette nel proprio bilancio, nei debiti, e non nei crediti, come sarebbe se fosse tutto regolare oltre ad essere logico amministrativamente, (cosa che non e’, commettendo un falso in bilancio)  ma e cosi, non solo non paga neppure l’iva sul servizio, ma non paga neppure le tasse allo stato…perche’ trattasi di un “debito”….ecco perche’ le banche dichiarano sempre un bilancio facilmente in passivo od a zero….

vedi:
Storia del neoliberismo PDF di Harvey

Nuovo dollaro americano - Trump e il nuovo Dollaro sostenuto dall’Oro -  2017