Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


RITIRATI VACCINI al MERCURIO e quelli senza  !
Il Thiomersal dei vaccini produce danni anche gravi
Metalli tossici
Danni al sistema enzimatico da Vaccini e metalli 
By Giusy Arcidiacono (CT) - [email protected] -
Perito Commerciale - chimico
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF dott. M. Proietti
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini ! (Francais)
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
http://www.vacciniinforma.it/2014/10/26/vaccini-ritirati-dal-commercio/1481

L'istituto olandese per la salute, RIVM, ha bloccato la distribuzione di un lotto di vaccini per bambini Prevnar della Pfizer, in seguito alla morte di tre bambini poco DOPO essere stati vaccinati - 6 novembre 2009.
Il vaccino è stato classificato come “da non usare” e nuove forniture sono state rese disponibili ai medici.
I bambini sono morti fra uno e 11 giorni dopo la vaccinazione.

 

Sospeso vaccino di Sanofi Pasteur MSD - Francia - 13/06/08  Les Echos online, Herald Tribune:
Le autorita' sanitarie francesi hanno sospeso, temporaneamente, la distribuzione del vaccino DTPolio (difterite, tetano, polio) in seguito ad un aumento significativo di segnalazioni di reazioni allergiche dall'inizio dell'anno; la Sanofi ha immediatamente ritirato i lotti immessi sul mercato per misura "precauzionale",... cosi hanno detto i dirigenti della Sanofi.

RITIRATI VACCINI Rotavirus: 2017

http://mediexplorer.it/articolo/gastroenterite-da-rotavirus-aifa-ha-disposto-il-ritiro-cautelativo-dei-vaccini-orali-rotarix-e-rotateq-per-contaminazione

Quei Vaccini ritirati dal mercato di cui NESSUNO parla...
https://testmagazine.it/2015/10/17/3298/3298/

Ritirato vaccino RECOMBIVAX = da quell'anno, 75% di morti in meno..... !

Una Sospensione Accidentale della Somministrazione Vaccinale con l’EPATITE  B   porta alla Segnalazione Spontanea di circa il 75% in MENO  di MORTI, da Quando il Recombivax è stato SOSPESO  come VACCINO PEDIATRICO  !

vedi anche: Ritirato vaccino EpatiteB + Sospeso Exavac + Ritirato vaccino Influenza + Ritirato vaccino Morupar + Ritirato vaccino Rotavirus + Perche' vaccinare ?

Vaccini obbligatori o no, tutti quanti sono da sempre sbandierati come utili e sicuri anche e non solo dal Ministero della salute, ma esiste una sentenza ben precisa (ignorata da tutti…) che mostra come tali distinzioni fra vaccini obbligatori e non, NON possono sussistere - vedi: Sentenza Corte Costituzionale
Le famiglie dei danneggiati da vaccino dal canto loro sottolineano “lo stato di abbandono in cui sono  state lasciate dalle cosiddette “istituzioni che dovrebbero tutelare”, infatti “tutelano” ma solo i fatturati di Big Pharma….". + Corruzione per i Vaccini

Un VACCINO ..e' una scarica enorme di tossine invasive e pericolose !

Danni dei Farmaci e Vaccini, eminenti medici/ricercatori indipendenti lo confermano

Infatti:
ANCORA UNA BAMBINA MORTA DOPO la SOMMINISTRAZIONE dell'ESAVALENTE. - Luglio 2013
Questo VACCINO e' stato RITIRATO IN MOLTI PAESI MA NON IN ITALIA. RISARCIMENTO RECORD, PERO' NESSUNO RIDARA' PIU' LA BIMBA AI GENITORI. - Muore in culla a causa del vaccino Infanrix, risarcimento record ai genitori.
La loro bambina è morta di Sids ("morte in culla") a pochi giorni dalla vaccinazione con il vaccino Esavalente.
Il tribunale di Pesaro ha deciso un risarcimento record di 200 mila euro alla famiglia, più un vitalizio di circa 700 euro al mese ed un ulteriore indennizzo ancora da quantificare. Una sentenza storica per l'Italia.

Dopo esposto a Modena, ritirati i vaccini al mercurio
Dom. 24 marzo 2002, S. Romolo
Dopo due anni di polemiche il mercurio scomparirà dai vaccini per l'infanzia. «È una grande vittoria» afferma Vaccinetwork, associazione che da tempo si spende per un'informazione sanitaria completa alla popolazione e che si era appellata alla magistratura affinché il mercurio venisse eliminato dalle profilassi che si effettuano sui bambini.
Lo scorso 19 marzo è infatti arrivato un nuovo decreto del Ministero della Salute che dispone il ritiro dal commercio di tutti i vaccini contenenti mercurio entro il 30 giugno 2003.
Viene così superato il tanto discusso decreto dell'ex ministro Veronesi che ne aveva disposto il ritiro dal 2007 ammettendo comunque una serie di eccezioni.
Ad un anno e mezzo dall'esposto presentato da Vaccinetwork alla procura di Modena, insieme ad altri quaranta presentati in altrettante procure d'Italia e dopo ben quattro inchieste aperte (a Torino, Lucca, Camerino e Padova), la vicenda dei sali di mercurio nei vaccini per l'infanzia conosce un epilogo.
Vaccinetwork saluta con soddisfazione la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.66 del 19/03/2002 del decreto ministeriale del 13/11/2001, con cui si fa anche obbligo alle case farmaceutiche di inoltrare domanda di variazione per modificare la composizione dei prodotti vaccinali entro il 31/12/2002. Il provvedimento è arrivato con grosso ritardo rispetto agli Stati Uniti, dove la Food and Drug Administration aveva disposto l'eliminazione dei sali di mercurio già nel 1999 perché giudicati tossici nelle quantità presenti.
http://www.gazzettadimodena.kataweb.it/gazzettamodena/arch_24/modena/cronaca/dc403.htm

11.07.2003
NON SONO STATI PIU' RITIRATI i VACCINI CONTENENTI TIOMERSALE......verranno utilizzati fino alla fine del 2008,..... per far finire le scorte ai produttori..!...ma continua ad essere utilizzato con quantita' inferiori alle disposizioni di legge, cosi non deve essere indicato....oltre alle nanoparticelle di metalli tossici presenti in TUTTI i vaccini !

Commento (NdR):
Federfarma informa che il Decreto del Ministero della Salute 27 giugno 2003 pubblicato sulla G.U. n. 153 del 4 luglio 2003 ha mantenuto la commercializzazione dei lotti dei vaccini contenenti mertiolato (mercurio) o altri composti organomercuriali come conservanti o come residui nel processo produttivo, nonostante un precedente decreto dell’11 novembre 2001 avesse disposto il divieto di vendita a partire dal 1 luglio 2003.
In sostanza, con il Decreto del 27 giugno 2003 i lotti di vaccini contenenti mertiolato saranno esitabili fino a 45 giorni dopo l’autorizzazione della formulazione di un nuovo vaccino senza tale componente.
Con tale decreto il Ministero della "Salute" ha inteso garantire continuita’ nella reperibilita’ sul circuito distributivo dei vaccini in questione, perche' evidentemente a piu' a cuore la salute dei fatturati di Big Pharma che quella dei suoi sudditi....

Italy - Le associazioni dei medici rispondo alla federazione FNOMCEO degli Ordini dei medici, il 50% degli studi medici pubblicati, sono FALSI ! - Gen. 2017
http://www.freedompress.cc/vaccini-radiazione-medici-le-associazioni-sindacali-medici-rispondono/

Video su: I BAMBINI NON VACCINATI SONO molto PIU' SANI di quelli VACCINATI !
Nel 1992 I.A.S. ha condotto un sondaggio sulla salute e la vaccinazione dei bambini della Nuova Zelanda ed ha trovato solide prove scientifiche che I BAMBINI NON VACCINATI sono PIU' SANI dei loro coetanei vaccinati !

Il paradosso dei vaccini al mercurio in Italia
Sulla Gazzetta Ufficiale N. 153 del 4 Luglio 2003 appare la Modifica del decreto ministeriale 13 novembre 2001, recante disposizioni sulla modifica della composizione dei medicinali costituiti da vaccini monodose iniettabili, contenenti mertiolato o altri composti organomercuriali come conservanti o come residui nel processo produttivo.
Il documento, a firma del Ministro Sirchia, proroga (con varie motivazioni) “sine die” l'utilizzo dei vaccini con mercurio in Italia.
Così ora siamo gli unici in Europa
, ad utilizzare ancora questo tipo di vaccini, mentre negli USA sono aboliti dal 1999.
Una decisione sorprendente se pensiamo che è stata presa dal Ministro della SALUTE, no ?
Nonostante il peso che un decreto come questo può avere sulla salute pubblica, l’unico giornale nazionale che se ne è interessato è stato il "Corriere della Sera", in una pagina interna.
Siamo di fronte ad un chiaro esempio di come viene fatta informazione nel nostro Bel Paese.
L’importanza di un decreto come questo va valutata prima di tutto tenendo conto di un Report sull’utilizzo di thimerosal all’interno dei vaccini, pubblicato dalla AAP (America Academy of Pediatrics), che sollecita le agenzie governative a lavorare rapidamente per arrivare alla riduzione dell’esposizione dei bambini al mercurio.
L'AAP e l'USPHS (US Public Health Service) concordano che l'uso di vaccini contenenti thimerosal dovrebbe essere ridotto o eliminato.
Ma che cos’è il thimerosal e perché allora viene usato ? Il thimerosal viene usato come additivo per prodotti biologici e per vaccini dal 1930, in quanto è molto efficace per l'eliminazione di molti batteri contenuti nei vaccini e per prevenire la contaminazione batterica stessa, in particolare nelle confezioni multidose aperte.
Il thimerosal contiene il 49,6% di mercurio in peso ed è metabolizzato a etil-mercurio e tiosalicilato.

Già nel 1977 la FDA (Food and Drugs Administration) aveva stabilito che i bambini che ricevono dosi periodiche di vaccino contenente thimerosal, possono esser esposti ad una quantità di mercurio superiore a quella raccomandata dalle linee guida federali e che la maggior tossicità dei composti organici del mercurio si manifesta a livello del sistema nervoso centrale, anche se possono esserci degli effetti a livello renale e sul sistema immunitario.
In quel contesto la FDA ha anche sviluppato le Linee guida federali per limitare l'esposizione al mercurio. Linee guida in questo senso sono state sviluppate anche da altre agenzie come la EPA (Environmental Protection Agency) e la ATSDR (Agency for Toxic Substances and Disease Registry).
I livelli massimi di esposizione giornaliera dichiarati da queste agenzie sono in sintesi: per la EPA, 0,1 mg/kg/giorno di Hg (cioè 0.1 microgrammi di mercurio per kg di peso e per giorno di esposizione); per la ATSDR, 0,3 mg/kg/giorno; per la FDA, 0,4 mg/kg/giorno.
Per un bambino di circa 6 kg – peso plausibile a due mesi di vita, momento in cui viene vaccinato per la prima volta – il valore di soglia dovrebbe essere compreso fra 0,6 e 2,4 mg. Nel giorno in cui viene vaccinato, il bambino viene esposto al mercurio in dosi 12,3 volte maggiori (1233%) rispetto a quanto determinato dalla linee guida sopra citate, con un massimo di 41,2 volte.
Questi numeri non tengono in considerazione il fatto che normalmente vengono iniettate dosi multiple di vaccino, il che comporta una moltiplicazione del fattore di esposizione.
Se ragioniamo su questi dati non ci sorprenderemo nel leggere i possibili effetti collaterali dei vaccini descritti nei prossimi paragrafi - Tratto da ilconspevole.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vaccino per la Meningite
E' stato prodotto e confezionato negli stabilimenti Novartis di Siena il vaccino per la meningite che ha allertato il ministero della Salute inglese. In Inghilterra, infatti, sono state ritirate oltre 21mila dosi di vaccini per la meningite che potrebbero essere state contaminate da un batterio velenoso, lo staffilococco (Staphylococcus aureus, associato ad avvelenamento del sangue e infezioni dell’epidermide). Il vaccino in genere viene somministrato ai bebè di quattro mesi.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

VETERINARIA: Scandalo vaccini veterinari: la Pfizer ritira un vaccino per i bovini - 12 aprile 2010
 Provocava una misteriosa malattia i cui sintomi erano emorragie su tutto il corpo di vitelli neonati e ora è stato ritirato dalla circolazione. Si tratta del vaccino PregSure della Pfizer, utilizzato nell'UE come vaccino contro la BVD.
 Leggi la notizia riportata da alcuni portali tedeschi.
vedi:
Pecore sarde ammalate ed uccise dai vaccini

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Lo strano decreto dei Vaccini al veleno - Ott 2000
I farmaci e vaccini che contengono mercurio potrebbero essere molto pericolosi, specialmente per i bambini. In America sono
fuori legge già dal 1999. Ma in Italia un provvedimento del ministero della Sanità stabilisce di proibirli soltanto fra sei anni.
E ammette perfino deroghe.
Proibiti dal 2007. La preparazione di vaccini in fiala: i prodotti che contengono mercurio sono tre, tutti destinati alla prima infanzia. Il ministero della Sanità ha stabilito che debbano uscire dal commercio solamente fra sei anni.

È scoppiata la guerra dei
vaccini.
A scatenarla è stato un esposto, arrivato ai primi di febbraio sul tavolo di una quarantina di magistrati in tutta Italia, da Trieste a Messina. Il primo a muoversi è stato Raffaele Guariniello, procuratore aggiunto torinese: "Sì, è vero" dice il magistrato a Panorama "qui l'inchiesta è già avviata. Ho sentito gli autori della denuncia, ora dovrò interrogare esponenti del ministero e delle case farmaceutiche".

L'ipotesi dell'accusa è grave. Secondo l'associazione Vaccinetwork, organizzazione che riunisce circa 700 tra medici e genitori e che dal 1996 si batte «in nome della libertà di cura» contro la pratica delle vaccinazioni indiscriminate, il mercurio contenuto nei vaccini pediatrici obbligatori (l'antitetanica, l'antipertosse, l'antidifterite, l'antiepatite) è potenzialmente molto nocivo per la salute dei bambini. Provocherebbe danni permanenti al loro sistema nervoso, al fegato e ai reni. E potrebbe essere anche cancerogeno.
Per questo Vaccinetwork ha chiesto il sequestro dei farmaci su tutto il territorio nazionale.
L'esposto-denuncia motiva l'urgenza del provvedimento richiesto con il fatto che il mercurio presente nei vaccini sotto forma di tiomersale, un componente antibatterico, supererebbe di molte decine di volte le dosi stabilite come "limite di sicurezza" negli Stati Uniti, che peraltro hanno proibito del tutto l'impiego del tiomersale già dal settembre 1999.

Come spesso accade in Italia, sul tema si è subito scatenata una specie di guerra di religione, tanto violenta nei toni quanto ignorata dai mass media. Il ministero della Sanità (oggi lo chiamano della Salute.....)ha reagito criticando "i soliti, inutili allarmismi". In un comunicato ufficiale, l'Istituto superiore di sanità (Iss), che è il braccio operativo del ministero, ha dichiarato che «non esistono evidenze di tossicità provocate dal tiomersale presente nei vaccini», e ha ricordato che "l'Organizzazione mondiale della sanità ha ribadito l'importanza di non interrompere la somministrazione di vaccini" perché il rischio provocato dalle mancate vaccinazioni è superiore rispetto all'ipotetico rischio di tossicità del tiomersale.

Tre prodotti sono per neonati
Però in commercio ci sono già soluzioni alternative Un esposto contro i vaccini che contengono mercurio è stato presentato dall'associazione Vaccinetwork nelle ultime due settimane in almeno 39 procure italiane.
L'esposto chiede che vengano ritirati dal commercio i preparati che contengono mercurio sotto forma di tiomersale. Attualmente i vaccini in commercio sono 3, tutti destinati alla prima infanzia.
Da 19 mesi l'Emea, Agenzia europea per l'analisi dei farmaci, raccomanda l'eliminazione del tiomersale e del mercurio dai vaccini.  La prima sollecitazione ai governi dell'Unione Europea risale all' 8 luglio 1999.

Dal secondo trimestre del 2000, secondo l'Emea (l'agenzia farmacologica europea), sono disponibili vaccini alternativi, privi di mercurio.
Ma lo scorso giugno il Ministero della Sanità italiano ne ha prorogato la commercializzazione per altri 6 anni, fino alla fine del 2007.

Le richieste di risarcimento presentate in Italia contro danni da vaccino in genere sono circa 40 mila.

Nelle guerre di religione del Medioevo si usavano le bolle papali e le scomuniche; nella moderna guerra dei vaccini vengono contrapposti documenti scientifici e studi medici. Se le istituzioni sanitarie smentiscono l'esistenza di rischi concreti, basandosi sui pronunciamenti dell'
Oms, gli antimercurio spingono avanti le carte dell'Epa, l'Ente americano per la protezione ambientale, che per primo ha lanciato l'allarme sul contenuto eccessivo di mercurio e di alluminio nei farmaci usati per vaccinare i bambini. Secondo l'Epa, una volta introdotto nell'organismo umano, il mercurio viene smaltito non prima di 15 anni.

Ma Vaccinetwork sottolinea anche i risultati cui negli Stati Uniti sono giunte la Food & drug administration e l'Agenzia per le sostanze tossiche (Atsdr): una persona sui 70 chilogrammi di peso può assorbire al massimo 0,5 mg al giorno di mercurio. Una fiala dei vaccini obbligatori in Italia contiene in media 0,028 mg di mercurio.
Visto che un neonato pesa 20 volte meno di un adulto e viene sottoposto a quattro vaccinazioni contemporaneamente per due volte solo nel primo anno di età, la dose introdotta nel suo corpo risulta di 40 volte superiore al limite statunitense, ovvero 1,4 mg.

Capire chi abbia ragione è decisamente difficile, anche perché ogni parte schiera in campo i suoi esperti e la simmetria dei pareri è perfetta. Un esempio ? Giorgio Bartolozzi, primario di pediatria di Firenze, sostiene che il mercurio contenuto nei vaccini "rappresenta un rischio effettivo solamente per i bambini sotto i 2 chilogrammi di peso".
Massimo Montinari, pediatra e docente di omotossicologia, critica il ministero: "Le sue statistiche vengono fornite dalle commissioni medico ospedaliere, inattendibili. E si considerano solo i danni neurologici, da vaccino, dimenticando tutte le altre patologie".

Per cercare di districarsi in questo labirinto di verità contrapposte, il procuratore aggiunto Guariniello, che per le sue inchieste sul doping nello sport è diventato un'autorità in materia, ha chiesto aiuto ai suoi consulenti tecnici. In particolare si è rivolto ai farmacologi ("No, il loro nome non posso proprio farlo") che da Pavia collaborano con l'European agency for the evaluation of medicinal products (Emea), cioè l'autorevole agenzia del farmaco dell'Unione Europea, che ha sede a Londra.

Il parere dei consulenti è stato solo in parte rassicurante. Perché, se è vero che, come hanno scritto i medici "non c'è alcuna certezza di un rapporto di causa-effetto che colleghi proprio ai vaccini i disordini neurologici osservati in bambini sottoposti a vaccinazioni", è anche vero che il principio di precauzione adottato nel 1999 negli Stati Uniti avrebbe già da tempo dovuto consigliare anche in Italia il ritiro dal mercato di quei prodotti".

Proprio l'Emea, del resto, e fin dall'8 luglio 1999, ha inviato a tutti i ministeri della Sanità europei una calda raccomandazione a «promuovere l'uso generalizzato di vaccini privi di tiomersale e di altri conservanti contenenti mercurio». Più recentemente, l'Agenzia è tornata sul tema con nuovi consigli.
Nel giugno 2000 i suoi esperti hanno segnalato che tre vaccini in commercio in Europa (il Tritanrix, il Triacelluvax e il Primavax, tutti usati per la pertosse e l'epatite B) contenevano ancora tiomersale. L'Emea ha aggiunto: "Per la fine del 2000 dovrebbero essere disponibili sul mercato vaccini senza tiomersale, che vengono raccomandati per le vaccinazioni nei neonati".

E qui la storia dei vaccini si tinge di un color giallo-mistero, che incuriosisce molto Guariniello e forse attirerà l'attenzione anche di qualche suo collega nelle altre 39 procure destinatarie dell'esposto di Vaccinetwork. Perché proprio il 15 giugno scorso, più o meno quando l'Emea lanciava il suo secondo avvertimento sul tiomersale, il ministro della Sanità, Umberto Veronesi, ha emanato un decreto per «eliminare il mercurio e i suoi derivati» dai vaccini. Non subito, però, e non domani. Ma ben lontano nel tempo: addirittura dal gennaio 2008.

La domanda è inevitabile: perché stabilire una moratoria di sei anni, se è vero che preparati alternativi, privi di tiomersale e quindi più sicuri per la salute, sono già disponibili a livello europeo? Interpellato da Panorama, il ministero della Sanità non ha dato risposte fino al momento di chiudere in tipografia questo articolo.
Stefania Salmaso, direttore del Reparto epidemiologia e malattie infettive dell'Iss, sostiene che a suo tempo l'Istituto aveva esplicitamente suggerito al ministro di adottare subito il ritiro dei vaccini contenenti mercurio.
Una decisione che non avrebbe provocato problemi:
"Tutti i vaccini registrati nell'ultimo biennio sono privi di tiomersale» spiega a Panorama Stefania Salmaso "e sono disponibili sul mercato".

Si aggrava così il dubbio sul perché di quel ritardo, che indubbiamente va a vantaggio delle sole aziende produttrici. Vaccinetwork sottolinea, tra l'altro, che il decreto Veronesi contiene una curiosa deroga: "
Tutte le ditte farmaceutiche che al 2007 dimostreranno di non potere fare a meno del tiomersale per i loro prodotti, potranno mantenerlo".

È anche per quella deroga che è scoppiata la guerra dei vaccini: "Proprio dopo il decreto abbiamo deciso che non potevamo più restare a guardare" dichiara Claudia Benatti, presidente di Vaccinetwork. "L'allarme sul contenuto eccessivo di mercurio nei vaccini è scattato un anno e mezzo fa negli Stati Uniti: noi abbiamo cercato di sensibilizzare i mass media e il ministero della Sanità, ma nessuno mai ha sollevato la questione. Per questo sono partite le denunce".

Noi, vittime dell'antipolio
Quasi quarantamila le richieste di risarcimento dei danni; i casi di richiesta di risarcimento per danni da vaccini sono numerosi. Stime fornite da Vaccinetwork arrivano a parlare addirittura di 40 mila citazioni attualmente in corso contro le strutture sanitarie. Nessuno, comunque, ha riguardato finora prodotti che contenessero mercurio.
Tratto da: Promiseland.it - P.S. il sito Vaccinetwork e' stato chiuso,...chissa' perche' ...?

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ALCUNI Vaccini ritirati dal commercio (aggiornamento all'anno 2014)

Ritiro lotti Medicinale Meningitec Nuron Biotec BV sita in Olanda Sospensione Iniettabile In Siringa Preriempita
In riferimento alla segnalazione della ditta Nuron Biotec BV sita in Olanda e al Rapld Alert della Germania del 24/09/2014, concernente presenza di corpo estraneo color arancio rossastro identificato come ossido di ferro e acciaio Inossidabile, In alcuni lotti del medicinale MENINGITEC SOSPENSIONE INIETTABILE IN SIRINGA PRERIEMPITA AIC 035438062; si comunica ai sensi dell’art. 70 del D. Lvo 219/2006 e per la motivazione sopra evidenziata, il ritiro volontario della ditta Nuron Biotec BV, dei lotti sotto riportati. Resta inteso che, nelle more del ritiro, i lotti non potranno essere utilizzati.

La ditta Nuron Blotec BV dovrà assicurare l’attivazione delle procedure di ritiro entro 48 ore dalla ricezione della presente comunicazione. Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute è invitato a verificare presso la Società Regulatory Pharma Net s.r.l. sita in Pisa Corso Italia 108, la sopracitata attivazione delle procedure di ritiro e inoltre, vorrà anche verificare che tali comunicazioni siano state spedite a tutti i destinatari del medicinale sulla base dei dati di commercializzazione. In caso di mancato adempimento, da parte della ditta interessata, procederà al sequestro dei lotti.

LOTTI INTERESSATI al RITIRO
G76673 scad.09/2014; H20500 scad. 11/2014; H45452 scad.02/2015; H45457 scad. 02/2015; 155457 scad. 09/2016; J70483 scad. 09/2016; H994S9 scad. 06/2015; HS2269 scad. 06/2015; J01106; J01114

Circolare italiana del 26/09/2014
http://www.ordfarmpd.it/attachments/1799_8997.pdf
http://www.farvima.it/Ritiro-lotti-Medicinale-Meningitec_FARVIMANEWS0510.html

AIFA comunicava il 28/09/2014 la notizia
http://jedasupport.altervista.org/blog/wp-content/aifa-ritiro_lotti_meningitec.pdf
http://www.retenews24.it/rtn24/sanita/allarme-aifa-per-medicinale-per-bambini-contiene-ossido-ferro-quale/

Comunicato del 13/10/2014
http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/ritiro-vaccino-meningitec-13102014

Comunicato del 16/10/14
http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/ritiro-cautelativo-di-lotti-dei-vaccini-meningitec

Comunicato del 23/10/14
http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/esito-riunione-della-cts-del-21-23-ottobre-2014-sul-ritiro-cautelativo-di-lotti-del-vaccino
http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/Esito_Riunione_CTS_del_21-23_ottobre_Meningitec.pdf

Ottobre 2012  ritiro di lotti di vaccini Infanrix Hexa in 19 Paesi del Mondo, ad esclusione dell’Italia (l’esavalente attualmente utilizzata nel nostro Paese), per sospetta contaminazione di un batterio.  I ritiri avevano riguardato alcuni lotti, nessun lotto fu ritirato in Italia.

Nel file sono riportate le indicazioni dei lotti interessati 
https://www.facebook.com/notes/autismo-danni-da-vaccinazioni-e-malasanita/infanrix-hexa-lotti-di-vaccino-ritirati/371110262968191 

Nel file sono riportate ulteriori informazioni che hanno interessato il suddetto vaccino negli ultimi mesi.
https://www.facebook.com/notes/autismo-danni-da-vaccinazioni-e-malasanita/vaccinazione-esavalente-cosa-dobbiamo-sapere/443408442405039
Pertanto anche in tali Paesi il vaccino Infanrix Hexa viene ancora utilizzato. 

I dubbi sono i seguenti:
- il vaccino viene prodotto negli stessi stabilimenti;
- nella normalità i controlli vengono eseguiti prima dell’immissione di qualsiasi prodotto.

MENINGITE RITIRATI VACCINI per NEONATI a CAUSA RISCHIO di CONTAMINAZIONE  
Meningitis vaccine for babies recalled over contamination fears
Fonte: http://www.thetimes.co.uk/tto/health/article1883301.ece26 - 02/2009 By Times On Line.

L’ente di controllo per il farmaco in Gran Bretagna (Watchdog) ha autorizzato il ritiro di 21.000 dosi del vaccino Meningite C utilizzato per immunizzare i bambini a causa del rischio di contaminazione.

I farmaci comprendono una parte di 60.000 dosi singole ordinate dal Ministero della Sanità come parte di un programma di vaccinazione sulla Meningite C (MenC) per tutti i bambini compresi fra i e tre e quattro mesi di età .

 “I lotti interessati del vaccino, che è venduto sotto il nome commerciale MENJUGATE, sono stati consegnati dal produttore, Novartis vaccini, nel mese di gennaio e febbraio. Finora 21.000 dosi sono stati inviati ai medici di base e cliniche.”

Il Dipartimento della Salute ha detto che non aveva ricevuto segnalazioni di reazioni avverse tra i bambini sottoposti al vaccino MenC , né ora né in passato.L’MHRA e Novartis hanno assicurato che il ritiro è puramente precauzionale e non vi è “alcuna prova che il vaccino sia contaminato o comporti un rischio per la salute.”

Quando i genitori portano i loro figli a vaccinarsi, è indispensabile che essi siano fiduciosi sul fatto che il vaccino è sicuro,” ha affermato Andrew Lansley, Segretario del Ministero Della Salute ( Sezione Shadow* cellula del governo preposta alle interrogazioni e dubbi inchieste etc..). “Mi auguro che i ministri provvederanno a fornire rassicurazione il più rapidamente possibile”.

Novartis, che produce il vaccino in Italia, ha detto di aver scoperto tracce di Staphylococcus aureus (…) nel solvente (inteso come soluzione) di ALLUMINIO Idrossido, in cui il vaccino è sospeso, durante le prove eseguite su altri flaconcini , test fatti allo stesso tempo, ed inviati per via aerea alla Gran Bretagna, invece di seguire percorsi di spedizioni via terra, come erano soliti fare.
Il batterio Staphylococcus Aureus è associato con l’avvelenamento del sangue e infezioni della pelle. L’ufficio stampa di Novartis, a quanto si dice, è stato messo a conoscenza della questione il Lunedi.
Tuttavia è stato il Martedì precedente che la società ha contattato L’Agenzia per la regolamentazione dei prodotti medicinali e sanitari (MHRA), ammettendo i problemi e dicendo che volevano ritirare il restante vaccino.
L’MHRA ha emesso un avviso di allerta farmaco alle farmacie alle 6:30 della scorsa notte, con più di 48 ore di ritardo.
Un portavoce dell’MHRA ha dichiarato al Times Online che sembra che l’invio del vaccino all’interno della cabina pressurizzata potrebbe avere causato l’espansione del contenuto dei test in fialetta , consentendo all’agente contaminante di entrare.
”Ulteriori indagini sulla la causa del fallimento sono in corso da parte della società. Attualmente non vi è alcuna prova per dimostrare che ci siano dei rischi per i bambini “, ha riferito l‘Ente per il controllo del farmaco (Watchdog).
”I campioni testati che non hanno superato la prova della sterilizzazione facevano parte di uno studio non di routine, intrapreso dalla società e non rientravano nel mercato di prodotti del Regno Unito”.
Finora, si ritiene che circa un terzo dei 60.000 flaconcini siano stati distribuiti dai magazzini di stoccaggio agli ambulatori dei medici in tutto il paese.Non si sa quanti bambini sono stati finora vaccinati con dosi contaminate da questi lotti.
Un portavoce del Dipartimento di Salute ha sottolineato che il ritiro è stato a scopo preventivo e che non era a conoscenza del fatto che alcun bambino avesse manifestato una reazione avversa al vaccino. “Adesso i due lotti britannici saranno sottoposti a ulteriori test per consentire il confronto e trarre conclusioni. I risultati saranno disponibili nel giro di pochi giorni “.
 “Tutti i lotti di vaccino che sono entrati nel Regno Unito hanno superato tutte le prove, tra cui quelle della sterilizzazione “, ha detto un portavoce del Dipartimento della Salute.”Se le persone hanno ricevuto di recente questo vaccino e sono interessati, si rivolgano al proprio medico di famiglia o al di NHS Direct (Dipartimento della Salute)”.  

Il Meningococco del gruppo C è un tipo di batterio che può causare la meningite e la setticemia. Il vaccino MenC non protegge contro la meningite causata da altri batteri o da virus.
Novartis è stato il principale fornitori di vaccini per il Dipartimento della Sanità della Gran Bretagna fin da quando è iniziato il programma di vaccinazione MenC nel 1999.Tutti i neonati viene somministrata una dose di vaccino MenC all’età di tre o quattro mesi.
A 12 mesi di età si sono sottoposti ad una combinazione di vaccino Hib (Haemophilus influenzae Tipo B) e MenC.
Il Dipartimento della Salute ha detto di non essere a conoscenza di alcun precedente problema riguardo alla sicurezza del vaccino MenC.
Novartis ha rilasciato una dichiarazione la scorsa notte dicendo: “stiamo collaborando con le autorità di governo, compresa la MHRA e il Ministero italiano della Salute, per ritirare i due lotti di Menjugate Kit distribuiti nel Regno Unito”.
Ed ha proseguito: “Stiamo investigando su un test di sterilizzazione risultato positivo riguardo ad un lotto di solvente di Idrossido di ALLUMINIO che è stato utilizzato per l’imballaggio di due lotti di Menjugate“.”Il lotto riguardante il solvente ha superato tutte le specifiche di distribuzione, l’esemplare identificato è stato individuato nel corso di una ricerca particolare.”
Nessuna della società era disponibile questa mattina per l’approfondimento della dichiarazione.

COMMENTO:
Il vaccino Menjugate, prodotto in Italia dalla Novartis è utilizzato anche all’ASL n. 3 Umbria, come si può desumere da questa comunicazione ad opera del dipartimento di prevenzione di alcune ASL…
Il vaccino meningococcico coniugato, Menjugate, è costituito da un oligosaccaride del gruppo C meningococcico coniugato con la proteina Corynebacterium diphtheriae (l’agente che causa la difterite), CRM-197 (Cross Reacting Material).
Il vaccino meningococcico coniugato contro il sierotipo C di Neisseria meningitidis non protegge contro le infezioni meningococciche causate da altri tipi di batteri meningococcici (A, B, 29-E, H, I, K, L, W-135, X, Y, o Z, anche non tipizzati).
Inoltre il vaccino non garantisce la protezione completa contro le infezioni causate dal sierogruppo meningococcico C.I vaccini coniugati contenenti la proteina Cross Reacting Material (CRM 197) non devono essere considerati come agenti immunizzanti contro la difterite. 
https://www.corriere.it/cronache/09_febbraio_26/vaccino_meningite_italia_sequestrato_gran_bretagna_728aff8a-0421-11de-8e80-00144f02aabc.shtml

MORUPAR 
Ai seguenti link trovate un lavoro del 19.04.2012 dell’avvocato Roberto Mastalia che ha condotto una vera e propria indagine in merito a questo vaccino che ha danneggiato il figlio. 
http://blog.libero.it/OrizzontiLontani/view.php?ssonc=80960120
http://www.emergenzautismo.org/content/view/1033/84/ 

Sintesi della STORIA del VACCINO MMR e del MORUPAR
a). 1990: Viene ritirato dal commercio in Canada il ceppo virale denominato URABE AM9 in quanto ritenuto responsabile di un numero di cd “reazioni avverse” superiore alla norma.
b). 1991: Nonostante quanto accaduto in Canada, l’italiana Biocine Sclavo (nel frattempo acquistata dalla Chiron e successivamente divenuta Novartis) inizia la commercializzazione del Vaccino trivalente MMR MORUPAR (antimorbillo, antipertosse, antirosolia) contenente il predetto principio attivo URABE AM9.
c). 1992: L’agenzia Europea del farmaco, su segnalazione del Ministero della Salute inglese, ritira dal commercio i vaccini trivalenti MMR PLUSERIX della Smith Kline & Beecham ed IMMRAVAX contenenti il medesimo principio attivo URABE AM9.
Negli articoli della stampa italiana dell’epoca si evidenzia come altri due vaccini contenenti il medesimo principio attivo URABE AM9 – MMR MORUPAR prodotto da Biocine Sclavo (joint venture tra Istituto Sclavo e Chiron Corporation) e MPR TRIMOVAX prodotto dalla Merieux – per il momento non sarebbero stati ritirati ma sottoposti ad attenta osservazione e ad accertamenti per verificarne la dannosità.
d). 1993: Il Giappone decide dapprima il ritiro dal commercio e dalla somministrazione del vaccino MMR MORUPAR ritenuto, evidentemente, dannoso e quindi la sospensione di tutte le vaccinazioni MMR.
Nonostante ciò, il Ministero della Sanità italiano e l’AIFA non ritengono di avere sufficienti prove della dannosità del vaccino visto e considerato che non prendono alcun provvedimento. E’ probabile che il protrarsi di tale “negligenza” sia dovuto al fatto che, a partire dagli anni ’80 l’Istituto Sclavo era stato acquistato dall’ENI divenendo un punto di eccellenza dell’ENICHEM, all’epoca società a partecipazione statale, che forniva vaccini anche alle Forze Armate italiane.
Negli anni successivi il vaccino viene via via ritirato da altri paesi rimanendo commercializzato, tra i paesi maggiormente industrializzati, solo in Italia grazie al “colpevole silenzio” di chi doveva essere deputato al suo controllo.
La scarsa farmacovigilanza dei paesi sudamericani ed asiatici, nei quali il vaccino continuava ad essere somministrato
e). 2004: nel mese di agosto il Brasile interrompe la somministrazione del vaccino MMR MORUPAR  in seguito a quello che il giornalista del New York Times definisce “…un numero inaspettatamente alto di bambini che hanno ricevuto gravi reazioni allergiche in seguito ad un programma sperimentale di immunizzazione…”.
Nell’articolo in questione il giornalista statunitense, al fine di tranquillizzare i propri lettori, sottolinea che il vaccino “…è venduto solo in Italia, Asia e Sud America, ma non negli Stati Uniti d’America…” .
E’ proprio in questo anno che, secondo quanto riportato dall’AIFA all’atto del successivo ritiro, iniziano a pervenire una serie di segnalazioni di “maggior allergenicità” del MMR MORUPAR rispetto ad altri vaccini omologhi.
f). 2005: nel mese di dicembre l’AIFA diffonde tra gli operatori sanitari un’informativa tesa ad aggiornare il profilo di sicurezza del vaccino MMR Morupar che, si ricorda, era già stato messo sotto osservazione nel 1992 !
g). 2006: Finalmente, nel marzo 2006 l’AIFA comunica il “…divieto di vendita con ritiro dal mercato di Morupar…”.
Al fine di mascherare le reali motivazioni che hanno portato al ritiro del prodotto e quindi le proprie gravissime responsabilità per l’innegabile negligenza dimostrata in 14 anni oltre che per prevenire la proliferazione delle cause di indennizzo e di risarcimento danni, l’AIFA giustifica tale provvedimento con “…una maggior frequenza di segnalazioni di reazioni allergiche con Morupar rispetto ad altri prodotti analoghi utilizzati in Italia.”. L’inconsistenza di tale motivazione appare palese a chiunque sia dotato di sufficiente raziocinio; se il vaccino non fosse stato riconosciuto palesemente più dannoso della norma non sarebbe stato certo ritirato (come accade tuttora per altri vaccini) col rischio di subire una causa da parte della casa farmaceutica ! 
h). 2010: Il 24 ottobre, come riportato dal Sunday Times, le autorità sanitarie inglesi sono costrette ad annunciare che il vaccino MMR avrebbe provocato il decesso di 40 bambini ed oltre 2.100 gravi danni tra i quali: due gravi danni cerebrali;
1.500 danni neurologici tra i quali 11 encefaliti e 13 casi di epilessia e coma. In realtà, tali dati corrisponderebbero solo al 10% dei casi. 
Considerato che ogni anno in Italia nascono circa 550.000 bambini e che circa il 95% di questi viene vaccinato, ciò significa che in 14 anni circa 7 milioni di bambini (più i richiami) sono stati vaccinati con un prodotto che avrebbe potuto (e dovuto) essere bloccato sin dal 199 ! 
http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/bif060276.pdf
http://www.xapedia.it/medicina/vaccino-morbillo-parotite-rosolia/10729-il-vaccino-morupar-ritirato-dal-commercio

Ritirato vaccino influenzale Prefucel
http://www.saluteme.it/news/salute/2326-ritirato-vaccino-influenzale-prefucel.html

Due vaccini ritirati in Giappone
http://it.euronews.com/2011/03/07/due-vaccini-ritirati-in-giappone/

Ritirate 172.000 dosi vaccino Pandermix a causa di reazioni allergiche superiori alla norma
http://youtube.googleapis.com/v/RJRHJlfbLOQ&fs=1&source=uds&autoplay=1 

Divieto di utilizzo lotti di Menveo polvere per soluzione iniettabile
Il provvedimento è stato disposto, a seguito della segnalazione della ditta, concernente escursione dai limiti dei controlli in process durante il processo di fermentazione.18 APR - Si trasmette il provvedimento dell’AIFA concernente il divieto di utilizzo dei seguenti lotti del medicinale “MENVEO polvere per soluzione iniettabile”, della ditta Novartis Vaccines Srl:
M10094 scad. 02/2013;
M10105 scad. 01/2013;
M10141 scad. 02/2013;
M11039 scad. 08/2013.
http://www.ilfarmacistaonline.it/federazione/articolo.php?articolo_id=8475 

 Il vaccino esavalente Hexavac è stato ritirato nel 2005. Tra l’altro esiste una sentenza che condanna lo stato al risarcimento danni causati dal vaccino Hexavac !
Nel 2004 il vaccino trivalente Priorix MPR ( ci risiamo con un vaccino combinato morbillo-parotite-rosolia) viene ritirato dal mercato.
Il vaccino per il rotavirus ha una storia molto controversa, fra ritiri dal mercato e allarmismi vari resta uno dei più sospettosi.

Vaccino acelluvax ritirato dal commercio con Decreto n. 800.F.1D/RM D3 del 29 marzo 1996
http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/1996/04/05/096A2216/sg
Qui un dossier redatto da un papà che ha un figlio danneggiato dal vaccino per la pertosse acelluvax, ritirato misteriosamente dal mercato senza una motivazione valida !
http://www.tuttosteopatia.it/wp-content/uploads/ce09296261ffee093daf04d53b36f532.pdf 

E di mercurio non ne conteneva poco ! 25 Mercurio (1)mcg/dose
http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-a8848ec1-06af-47db-bead-950842d7e1bd.html
Bugiardino
http://www.salus.it/farmacopea/f2538.html

Ritiro vaccino trivalente Pluserix (1992) parotite, morbillo e rosolia dell’ azienda produttrice: SMITH KLINE AND BEECHAM. sospetti di effetti collaterali per il ceppo virale ” Urabe Am9 ” , presente nel composto medico.
http://archiviostorico.corriere.it/1992/settembre/16/ritirato_vaccino_trivalente_insicuro_co_0_92091617405.shtml


L'esavalente è il vaccino usato anche in Italia per vaccinare i neonati a partire dal 2°-3° mese di vita
Ha la data del 6 ottobre 2012, è una comunicazione dall'Istituto di Stato per Controllo dei Farmaci della Slovacchia e reca l'urgenza di classe 1: ritiro immediato del vaccino esavalente INFANRIX Hexa per rischio contaminazione batterica pericolosa (1).

I fatti
Pochi giorni fa, il 6 ottobre scorso, l'Istituto di Stato per Controllo dei Farmaci della Slovacchia diffonde un documento urgente
(riferimento n° 12/5541 - 389/2012/900) in cui impone il ritiro immediato dal commercio del farmaco INFANRIX Hexa (Codice 34905) della
ditta belga GlaxoSmithKline Biologicals s.a., lotto A21CB191B con data di scadenza 01-2014.

La motivazione ufficiale è che durante il controllo di qualità è stata riscontrata una contaminazione microbica dell'ambiente di produzione.
È riportato che i prodotti finali della lavorazione (cioè il vaccino in oggetto) non sono microbicamente contaminati, ma, allo scopo di assicurare il mantenimento dello standard di qualità, l'ente di registrazione accetta il ritiro del farmaco INFANRIX Hexa dalle farmacie e dai fornitori sanitari. Il documento ufficiale dice che: "I pazienti che sono stati vaccinati con questo vaccino non sono a rischio a causa del vaccino stesso che soddisfa tutti i requisiti di qualità".
Cioè, il vaccino va benissimo e soddisfa tutti i requisiti di ottima qualità . eppure l'hanno fatto ritirare immediatamente! È difficile comprenderne il motivo, almeno per noi comuni mortali.
Il ritiro è stato disposto con urgenza massima: classe 1.

A cosa corrisponde la classe 1 d'urgenza ?
La classificazione delle urgenze è stabilita dalle norme europee (norma emea/ins/gmp/459921/2010) ed è la seguente:

1a classe d'urgenza: le urgenze che minacciano potenzialmente la vita oppure possono causare gravi danni alla salute. Provvedimento da attuare immediatamente !

2a classe d'urgenza: le urgenze che possono minacciare la salute o possono portare a cure non corrette, ma non rientrano nella classe 1. Provvedimento da attuare entro 48 ore !

3a classe d'urgenza: le urgenze che non minacciano la salute, ma il ritiro è stato effettuato per altri motivi. Provvedimento da attuare entro 5 giorni !

Cos'è l'esavalente ?
L'esavalente (nome commerciale INFANRIX HEXA della ditta GlaxoSmithKline) è il vaccino usato anche in Italia per vaccinare i
neonati a partire dal 2°-3° mese di vita. Questo vaccino contiene 6 antigeni che dovrebbero proteggere i nostri figli verso i seguenti germi: difterite, tetano, poliomielite, epatite B, pertosse, emofilo tipo B.
A parte la Regione Veneto, e in modo diverso qualche altra Regione, in Italia le vaccinazioni pediatriche obbligatorie sono SOLO 4 e cioè per la difterite, tetano, poliomielite, epatite B. Però, a partire dal 2003, è stato messo in commercio il vaccino esavalente (un'unica fiala vaccinale contro 6 germi) che è stato silenziosamente imposto scalzando i 4 vaccini prima disponibili e i genitori si sono trovati obbligati, senza alcuna legge dello Stato, a somministrare ai loro figli 6 vaccini contemporaneamente invece dei 4 obbligatori.
Ciò è accaduto nonostante si sappia che il rischio che un bambino ha di subire danni da vaccino è tanto maggiore quanto più il bambino è piccolo e tanto è maggiore il numero di vaccini somministrati contemporaneamente (2).

Le nazioni che hanno ritirato il vaccino e lotti incriminati
Le notizie sono recentissime e pare che le Nazioni che hanno preso la decisione di ritirare il vaccino INFANRIX Hexa siano in aumento.
Allo stato attuale, comunque, le nazioni sono: Slovacchia, Spagna,
Germania, Australia, Canada e Francia. La Francia non ha ritirato solo l'esavalente ma anche il vaccino tetravalente e il pentavalente, sempre della ditta GlaxoSmithKline.
I lotti ritirati da questi Paesi sono i seguenti:

Slovacchia
Data del ritiro immediato: 6 ottobre 2012
Numero di lotto: A21CB191B
Siti per la consultazione: http://www.sukl.sk +
- www.slobodavockovani.sk/news/sukl-nariadil-stiahnutie-vyrobnej-davky-hexavakciny-infanrix-hexa-kvoli-mikrobialnej-kontaminacii
- www.sukl.sk/buxus/docs/Inspekcia/PostregistracnaKontrola/Mimoriadne_oznamy/Rozhodnutie_Infanrix121007.pdf

Spagna
Data del ritiro immediato: 8 ottobre 2012
Numeri di lotto: A21CB187E; lo stesso giorno, la Società Spagnola del Farmaco comunica di ritirare anche il lotto 12N0010 (scadenza 31-8-2013)
Siti per la consultazione:
- www.larazon.es/noticia/1481-sanidad-retira-un-lote-de-una-vacuna-infantil-de-gsk-por-una-potencial-contaminacion-microbiana
- www.aemps.gob.es/informa/alertas/medicamentosUsoHumano/2012/docs/calidad_42-12.pdf
- www.sefh.es/sefhboletin/vernoticiaboletin.php?id=5313

Germania
Data del ritiro immediato: 10 ottobre 2012
Numeri di lotto: A21CB191C, A21CB193A, A21CB193B, A21CB193C, A21CB194A
Laboratori paralleli esterni e numeri di lotto interessati dal provvedimento:
- Emra-Med, Kohlpharma, Pharma Westen, Veron Pharma: A21CB187B
- CC-Pharma: A21CB337A
- Pharma Westen, Emra-Med, Kohlpharma, Veron Pharma: A21CB187C
- A.C.A. Müller: A20CA742A, A20CA743A
Sito per la consultazione:
- www.akdae.de/Arzneimittelsicherheit/Weitere/Archiv/2012/20121010.pdf

Australia
Data del ritiro immediato: 11 ottobre 2012
Numeri di lotto: A21CB144A; A21CB188D; A21CB188E; A21CB190A;
A21CB197A; A21CB221B
Sito per la consultazione:
- www.tga.gov.au/safety/alerts-medicine-infanrix-121011.htm

Canada
Data del ritiro immediato: 11 ottobre 2012
Numero di lotto: A21CB242A
Sito per la consultazione:
- www.bccdc.ca/imm-vac/VaccinesBC/infanrix.htm

Sospensione della commercializzazione di Hexavac (esavalente): domande e risposte
Hexavac è un vaccino ad uso pediatrico per la difterite, tetano, pertosse, epatite B, poliomielite ed Haemophilus influenziae di tipo b.
Il Ministero della Salute italiano ha sospeso l’autorizzazione alla vendita del vaccino Hexavac nel 2005


L’EMEA ha redatto una serie di Domande & Risposte sul vaccino Hexavac e sui motivi che hanno indotto alla sua sospensione in via cautelativa.

Che cos'è Hexavac e a cosa serve ?
Hexavac è un vaccino che protegge neonati e bambini nei confronti di: difterite, tetano, pertosse, epatite B, poliomielite e da infezioni da Haemophilus influenzae tipo B.

Perché Hexavac è stato sospeso ?
Hexavac è stato sospeso come misura precauzionale per problemi relativi alla sua efficacia protettiva contro l'epatite B nel lungo periodo.
Ciò è avvenuto in seguito al riscontro di una ridotta immunogenicità ( autodifesa dell'organismo contro una malattia ) della componente relativa all'epatite B.
Si suppone che ciò dipenda da una variabilità nel processo di produzione della componente del vaccino dell'epatite B che potrebbe portare ad una diminuzione della protezione nel lungo periodo nei confronti dell'epatite B.

Un bambino vaccinato con Hexavac è protetto contro ognuna di queste sei malattie ?
Il bambino vaccinato con Hexavac è protetto contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite e le infezioni da Haemophilus influenzae tipo B. Il problema riguarda solo l'epatite B ed in particolare la protezione a lungo termine ( 5-10 anni ). Non c'è nessun problema immediato riguardante alla protezione a breve termine contro l'epatite B.

I bambini vaccinati con Hexavac necessitano di un'ulteriore vaccinazione contro l'epatite B ?
Non c'è nessuna necessità immediata di rivaccinare i bambini già sottoposti a vaccinazione.
Comunque, il Comitato per i Prodotti Medicinali ad Uso Umano ( CHMP ) dell’EMEA ha richiesto all’azienda titolare dell’autorizzazione alla vendita, Sanofi Pasteur MSD di definire uno specifico programma di sorveglianza per valutare se i neonati ed i bambini avranno necessità di essere rivaccinati in tempi successive, ad esempio nell'adolescenza, per assicurare una protezione a lungo termine contro l'epatite B.

I bambini che hanno iniziato il ciclo vaccinale con Hexavac che cosa devono fare ?
Non c'è alcun problema immediato per i bambini che hanno già iniziato il ciclo vaccinale con Hexavac. E’ opportuno mantenere i prossimi appuntamenti programmati con il medico che indicherà come il ciclo vaccinale dovrebbe essere completato in accordo alle raccomandazioni nazionali.

Sono disponibili altri vaccini che possono essere utilizzati al posto di Hexavac ?
Vaccini alternativi ( esavalenti o combinazioni equivalenti di vaccini ) sono disponibili nell’Unione Europea nel proteggere i bambini contro queste malattie.

Che cosa significa la sospensione dell'autorizzazione alla commercializzazione di Hexavac ?
La sospensione dell’autorizzazione alla commercializzazione è una misura cautelativa, durante la quale l'azienda titolare dell’autorizzazione alla vendita può proporre soluzioni per risolvere le questioni sollevate dai Comitati Scientifici e dall’EMEA. Durante il periodo di sospensione, Hexavac non sarà disponibile.
Comunque, una volta risolto il problema, Hexavac potrà essere reintrodotto sul mercato.

Esiste qualche legame tra la sospensione di Hexavac e la precedente comunicazione del CHMP sulle morti improvvise inattese con i vaccini esavalenti ?
No, i due argomenti non sono correlati.
Il CHMP ha precedentemente rivisto il possibile legame tra le morti improvvise inattese ed Hexavac ed aveva concluso che, sulla base dell'evidenza disponibile, non c'era alcun rischio per la salute pubblica.

In quali Paesi era disponibile Hexavac ?
Hexavac era disponibile nell'Unione Europea in Austria, Cipro, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lituania, Slovacchia e Svezia.
Il vaccino era disponibile a livello mondiale in altri 19 Paesi.
Fonte: EMEA, 2005 - ( Xagena_2005 )

Vaccino esavalente Hexavac: le raccomandazioni dopo la sospensione
L’Agenzia Europea dei Medicinali ( EMEA ) ha raccomandato come misura precauzionale la sospensione dell’autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino Hexavac. Il motivo è da ricercarsi in una diminuita capacità del vaccino nello stimolare una risposta immunitaria della componente cont...
(Articolo Completo)

Morte improvvisa dopo vaccinazione con vaccino esavalente
Le vaccinazioni sono considerate essere il modo più efficace e sicuro nel prevenire le malattie infettive. I vaccini esavalenti, come Hexavac ed INFANRIX
Hexa sono considerati ben tollerati e sicuri. Tuttavia sono stati osservati diversi casi di morte avvenuti subito dopo la vaccinazione. ... (Articolo Completo)

Sospeso dal commercio il vaccino esavalente Hexavac
L'Agenzia Italiana del Farmaco, a seguito della raccomandazione dell'Emea di sospenderne in via precauzionale l'autorizzazione all'immissione in commercio, ha disposto il ritiro del vaccino pediatrico esavalente " Hexavac " attivo contro la difterite, la poliomielite, il tetano, la pertosse, l'...
(Articolo Completo)

L’EMEA ha chiesto di sospendere la commercializzazione di Hexavac
L’EMEA ( European Medicines Agency ) sta raccomandando, come misura precauzionale, la sospensione dell’autorizzazione alla vendita del vaccino Hexavac, a causa dei timori riguardanti la protezione nel lungo periodo contro l’epatite B. Hexavac è un vaccino per neonati e bambini contro difteri...
(Articolo Completo)

Sospensione della commercializzazione di Hexavac: domande e risposte
L’EMEA ha redatto una serie di Domande & Risposte sul vaccino Hexavac e sui motivi che hanno indotto alla sua sospensione in via cautelativa. Che cos'è Hexavac e a cosa serve? Hexavac è un vaccino che protegge neonati e bambini nei confronti di: difterite, tetano, pertosse, epatite B, po...
(Articolo Completo)

Sospeso dal commercio vaccino esavalente Hexavac
L'Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), a seguito della raccomandazione dell'Emea di sospenderne in via precauzionale l'autorizzazione all'immissione in commercio, ha disposto il ritiro del vaccino pediatrico esavalente Hexavac attivo contro la difterite, la poliomielite, il tetano, la pertosse...
(Articolo Completo)

Vaccini esavalenti, sorveglianza in Europa
Hexavac ed Infarix Hexa sono i soli vaccini, autorizzati nell'Unione Europea, in grado di immunizzare contro 6 malattie infettive: difterite, tetano, poliomielite, pertosse, epatite B, infezione da Haemophilus influenzae. Nel corso della riunione del 23-25 aprile 2003 il Comitato Scientifico del...
(Articolo Completo)

Highlights in farmacovigilanza: 2003
Il Bollettino d'Informazione sui Farmaci del Ministero della Salute ha riportato alcuni dei casi di farmacovigilanza più salienti del 2003 con le decisioni della CUF ( Commissione Unica del Farmaco ) e dell'EMEA , l'Agenzia Europea per il Controllo dei Farmaci. Depressione: la Paroxetina è contr...
(Articolo Completo)

Programma di sorveglianza dell'EMEA sui vaccini esavalenti
L'EMEA ( European Medicines Evaluation Agency ) darà avvio nel 2004 ad un programma di sorveglianza sui vaccini esavalenti dopo la segnalazione di alcuni bambini morti dopo essere stati vaccinati. Nel corso di 3 anni, ci sono state 4 morti inattese subito dopo la vaccinazione esavalente in ba...
(Articolo Completo)

Vaccino pediatrico esavalente
Il vaccino esavalente Hexavac fornisce protezione contro la difterite, tetano, pertosse ( acellulare ), poliomielite, le infezioni da Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) e contro l'epatite B. Hexavac è particolarmente indicato per la vaccinazione primaria dei neonati a partire dal secondo mes...
(Articolo Completo)

Disponibile in Italia un nuovo vaccino pediatrico che protegge contro sei malattie infettive
Un nuovo vaccino esavalente il cui nome commerciale è Hexavac, è disponibile in Italia. Protegge contro la difterite, tetano, pertosse (acellulare), poliomielite, le infezioni da Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) e contro l'epatite B. Hexavac è particolarmente indicato per la vaccinazione ...
(Articolo Completo)

Sanofi-Pasteur, dopo Hexavac l’alert dell’FDA su Menactra
3 Ottobre, 2005 Il 20 settembre l’EMEA ( European Medicines Agency ) aveva richiesto la sospensione del vaccino Hexavac per la scarsa protezione offerta dal vaccino nei confronti dell’epatite B. L’Hexavac rappresenta circa il 10% delle vendite di Sanofi-Pasteur. Hexavac...
(Articolo Completo)

Vaccino Hexavac: sospensione dell’autorizzazione all’immissione in commercio
L’EMEA ha deciso di sospendere l’autorizzazione all’immissione in commercio di Hexavac, vaccino esavalente per l’infanzia, che fornisce protezione contro sei malattie ( difterite, tetano, pertosse, poliomielite, Haemophilus influenzae di tipo B ed epatite B ). Come conseguenza Sanofi-Pasteur...
(Articolo Completo)
 

Commento (NdR): l'EMEA  e' la lunga mano della OMS e quindi dei produttori dei vaccini....per questo NON dicono la Verita' !

Continua in:
Ritirata Epatite ed esavalente + Trivalente - 1 + Trivalente - 2 + danni del Vaccino trivalente + Danni dei vaccini (English) + Per altra importante Bibliografia per trivalente vedi qui